Gruppo di Carvico 40° di fondazione 30 aprile 2022

Molto partecipata e con momenti di commozione la cerimonia per i festeggiamenti del 40° di fondazione dell’Avis e dell’Aido a Carvico. Una manifestazione caratterizzata dall’inaugurazione del rinnovato monumento e dalla collocazione di una targa celebrativa.
La manifestazione è iniziata col ritrovo nel pomeriggio di sabato sul piazzale del municipio con i presidenti dell’Aido, Celestino Rota, e dell’Avis, Francesco Ghisleni, che hanno fatto gli onori di casa. Il corteo si è recato al parco Serraglio presso il monumento Avis/Aido «L’Albero della Vita» dove il parroco don Marco ha benedetto il rinnovato monumento e la nuova targa.
«Oggi siamo qui a festeggiare i 40 anni di fondazione dell’Aido e dell’Avis Carvico. – Hanno ricordato i due presidenti. – La fondazione risale al gennaio 1981, quindi in realtà quest’anno sono 41 anni, ma causa l’emergenza Covid abbiamo dovuto posticipare i festeggiamenti.
Poco prima abbiamo presentato la nuova targa collocata sull’Albero della Vita: un grande ringraziamento va a tutti i volontari dell’Aido e dell’Avis per il ripristino e la manutenzione del monumento».

Un ricordo è andato all’artista Eugenio Roncalli, di recente scomparso, che nel monumento ha rappresentato la donazione con il simbolo dell’albero e le foglie a forma di cuore.
Il presidente dell’Aido ha ricordato Enzo Bolognini, fondatore della sezione Aido di Carvico «Gianni Ravasio», animatore di tante iniziative tra cui la camminata della vita. Il sindaco Sergio Locatelli ha ringraziato i volontari che portano avanti il progetto di solidarietà e del dono. Sul palco, allestito nell’arena del parco Serraglio, è intervenuto Pierluigi Natali, vice presidente Avis che ha letto il saluto del presidente provinciale Avis Artemio Trapattoni. Quindi Gianpietro Zanoli vice presidente Aido provinciale. Walter Donadoni di Paladina, trapiantato di cuore e Ambrogio Andreotti di Solza (ex presidente Aido), trapiantato di fegato e rene hanno raccontato i momenti vissuti, l’attesa, il trapianto e la vita ricominciata dopo: «Ringraziamo chi ci ha donato gli organi perché oggi non saremmo qui a raccontarvi la nostra storia ».
Sono seguite le premiazioni dei donatori avisini da parte del presidente Francesco Ghisleni, e di Alice Farina e Marta Crespi.

da l’Eco di Bergamo
Angelo Monzani

Testimonianza del trapiantato Walter Donadoni

Discorso del Vice Presidente Vicario Provinciale Gianpiero Zanoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.